Crimini informatici, in Italia dilaga il phishing
di Lorenzo Gennari

Crimini informatici, in Italia dilaga il phishing

martedì 25 marzo 2008
Il convegno Assintel sui crimini informatici, occasione per scoprire i fenomeni più diffusi e trarre spunti d'intervento efficace. Coinvolti Guardia di Finanza, Icaa, Università di Milano e Save the Children

A pochi giorni dalla conclusione del convegno Crimini informatici: dal phishing alla pedopornografia tutte le insidie per gli utenti di internet, organizzato da Assintel, inizia il confronto e l'analisi dei dati emersi durante l'incontro.

L'elemento caratteristico del cybercrime è la virtualizzazione del rapporto tra vittima e criminale. Inoltre, una delle carte vincenti di chi organizza le truffe online è proprio la localizzazione geografica sovranazionale, che complica notevolmente le procedure investigative nel coordinamento fra magistrature e normative di Stati differenti.

Ma qual è il crimine informatico più diffuso in Italia? Sebbene sia in una buona compagnia, il phishing (furto di dati sensibili) è forse quello che sta assumendo dimensioni più preoccupanti. Gli esperti indicano nella Romania le basi della maggior parte delle organizzazioni dedite a questo tipo di frode.

Tra tutti i crimini informatici però, c'è chi, come l'organizzazione «Save the children» lancia l'allarme anche sul crescente imporsi della pedopornografia online, che rischia un incremento di diffusione dovuto proprio all'abbassarsi dell'età in cui c'è il primo avvicinamento al mondo dell'informatica da parte dei giovani.

I dati parlano del 74,8% di casi di contatto via chat, a seguito del quale si costruisce una relazione virtuale che via via cattura la fiducia della vittima finchè non si arriva all'incontro fisico.

Durante il convegno, le soluzioni proposte dalle parti interessate hanno prediletto la prevenzione attraverso il rafforzamento del controllo dell'accesso al web.

C'è però la consapevolezza che l'entità del problema tenderà ad amplificarsi con lo sviluppo del web 2.0, in cui è prevedibile un aumento esponenziale dell’auto-produzione di pornografia minorile.

In Italia il diritto penale dell'informatica si è sviluppato con una tendenza tecnofobo-moralista, osserva il Prof. Giovanni Ziccardi, docente di Informatica Giuridica all'Università di Milano, che spesso non discerne fra strumento e suo utilizzo, fra gravità dei reati e adeguatezza della pena, fra diritto alla libera espressione e alla privacy e tendenza a porre freni e controlli. Secondo il professore, occorrerebbe piuttosto un approccio sereno ed equilibrato, accompagnato da una sensibilizzazione di famiglie ad aziende al tema della sicurezza in tutte le sue forme.

Se vuoi aggiornamenti su Crimini informatici, in Italia dilaga il phishing inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


Due mesi fa ho dovuto formattare il Pc causa un fastidiosissimo Pop Up che mi si apriva ogni quattro minuti, con un suono assordante, dicendomi che il mio PC era infetto da svariati virus, mi volevano obbligare ad acquistare un loro antivirus, CHE IO però HO GIA Avast, e mi trovo bene. MI AVEVANO , IN
OPZIONI INTERNET, modoficato la pagina iniziale, dovendo usare solo quella, e nessun altra, contattavo la casa che produce quell'antivirus, mi rispondevano che loro avevano affidato ad una ditta la pubblicità del loro prodotto e che non si ritenevano responsabili dei metodi usati da questi. Anche dopo la formattazione il problema si è risolto solo in parte , al primo collegamento ad internet, mi arrivano decine di pagine intere di pubblicità di ogni genere. Dove mi devo rivolgere, La polizia postale non cava un ragno da un buco, non vedono oltre il loro naso.
E' un ente inutile.
scritto da Paolo.G - giovedì 27 marzo 2008 alle ore 9.02

Inserisci il tuo commento

Nome (obbligatorio):
Email (obbligatorio):
Sito:
 
Vuoi salvare questi dati?
Commento:
Codice di controllo: