Dati sanitari Asl a rischio
di Roberta D'Onofrio

Dati sanitari Asl a rischio

venerdì 31 ottobre 2008
Molte ASL italiane e i dati di cittadini, pazienti e degenti italiani potrebbero finire nelle mani sbagliate a causa delle inadeguate misure di sicurezza informatica

Un'indagine dell'Osservatorio nazionale per la Sicurezza informatica, struttura no profit promossa da Yarix, ha rilevato gravi problemi di violabilità dei sistemi informatici delle ASL italiane.

Negli ultimi anni nelle aziende ospedaliere è cresciuto il ricorso all'archiviazione digitale dei dati, referti e cartelle cliniche, tuttavia il processo di informatizzazione non è stato sempre accompagnato dall'acquisizione di efficaci strumenti di protezione.

Sulle 50 ASL passate al vaglio dell'Osservatorio, è emerso che tutte usano Internet, che l'82% dichiara di rispettare le normative sulla privacy, ma il 60% ritiene di non disporre di tecnologie adeguate alla sicurezza dei dati sensibili e addirittura, l'85 per cento non ha le risorse per gestire e amministrare l'infrastruttura informatica.

«È importante – ha dichiarato Mirko Gatto, della Yarix - che le aziende ASL ed in genere chi opera nella sanità implementi i servizi attraverso internet: si tratta di uno strumento straordinario che permette di abbattere liste di attesa, file, congestione di uffici, e che permette anche di semplificare la vita agli utenti. Il problema però è cercare di usare la tecnologia internet al meglio, cercando di ridurre al minimo la possibilità di furto di dati».

Dalla ricerca emerge, infatti, che l'80% delle ASL interpellate dispone di un piano di disaster recovery per il recupero dei dati in caso di incidente, mentre soltanto il 45% ha collaudato il sistema.

«Non bisogna vedere la sicurezza informatica come un optional – continua il responsabile Yarix - ma come uno strumento essenziale per impedire l'azione dei malintenzionati, soprattutto in un settore delicato come quello sanitario, nel quale si trattando dati molto sensibili. Per questo il consiglio è di rivolgersi ad aziende altamente specializzate in sicurezza informatica, per un monitoraggio delle problematiche possibili e per l'identificazione delle soluzioni percorribili».

Se vuoi aggiornamenti su Dati sanitari Asl a rischio inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


se e' per questo anche numerosi comuni o ad esempio alcuni enti di riscossione tributi... non tutelano per niente i cittadini, non adottando misure di sicurezza e sistemi di controllo della coerenza dei dati. Succede quindi che un cittadino possa sparire dall'anagrafe o risultare residente in una via che non esiste nel comune... con risultati "kafkiani". Di chi è la responsabilità se non dell'incapacità di chi assume e fa lavorare persone poco preparate ed inette? Lasciate spazio ai giovani (e meno giovani) competenti e capaci, ne beneficera' tutta l'Italia.
scritto da 0disse0 - venerdì 31 ottobre 2008 alle ore 22.43
Se a seguito del furto o dello smarrimento dei dati sanitari, seguisse la relativa "dovuta" denuncia, si presume che la cosa può accadere, il cittadino si domanda perchè spesso non si fa seguito ad un atto dovuto....... sono 11 anni che aspetto copia di una cartella clinica oggetto di una complessa vicenda sanitaria di accertata malasanità e la AUSL pur avendo dichiarato smarrito il fascicolo, omette anche su sollecitazioni di organi superiori una risposta che non può essere differente al richiesto trasmettendo copia della relativa denuncia all'autorità giudiziaria.... che fare se ti prendono per stanchezza....
scritto da Alfredo - lunedì 3 novembre 2008 alle ore 10.50

Inserisci il tuo commento

Nome (obbligatorio):
Email (obbligatorio):
Sito:
 
Vuoi salvare questi dati?
Commento:
Codice di controllo: