Infortuni? Da oggi c'è il SINP
di Roberta D'Onofrio

Infortuni? Da oggi c'è il SINP

lunedì 10 marzo 2008
Il Testo unico sulla sicurezza ha istituito il sistema informatico nazionale per la prevenzione sul posto di lavoro, un database che rimpiazzerà il vecchio registro degli infortuni

Il registro degli infortuni a breve verrà sostituito dal Sinp , il sistema informatico per l'archiviazione di tutte le attività di prevenzione dell'Inail.

Istituito dal Testo unico sulla sicurezza dei lavoratori , il nuovo sistema dovrà fornire informazioni per pianificare nuove strategie di prevenzione degli infortuni e delle malattie nei luoghi di lavoro e consentirà agli istituti di vigilanza di monitorarne l'efficacia, grazie all'integrazione delle altre banche dati informatiche esistenti.

Nel nuovo sistema informatico nazionale confluiranno le informazioni relative al quadro produttivo e occupazionale, ai rischi, agli interventi di prevenzione delle istituzioni preposte, alle attività di vigilanza. Le aziende non dovranno far altro che produrre la propria documentazione obbligatoria in formato elettronico e trasmetterla ad enti o amministrazioni pubbliche via internet, senza l'obbligo della registrazione degli infortuni e della tenuta del relativo registro.

Prenderanno parte alla realizzazione del database il ministero del Lavoro, quello della Salute, le Regioni e Province autonome, l'Inail, l'Ipsema (Istituto di prevenzione per il settore marittimo) e l'Ispesl (Istituto superiore per la Prevenzione e la Sicurezza nel Lavoro).

Prima che il Sinp veda l’attuazione sarà comunque necessario attendere l'entrata in vigore di un decreto interministeriale , che ne delineerà le norme tecniche di funzionamento e le regole per il trattamento dei dati.

Se vuoi aggiornamenti su Infortuni? Da oggi c'è il SINP inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:


Il registro infortuni è ancora obbligatorio.
scritto da Claudio - mercoledì 20 maggio 2015 alle ore 23.05
Gradirei conoscere gli estremi del decreto interministeriale grazie
scritto da Claudio - giovedì 21 maggio 2015 alle ore 22.24

Inserisci il tuo commento

Nome (obbligatorio):
Email (obbligatorio):
Sito:
 
Vuoi salvare questi dati?
Commento:
Codice di controllo: