Pordenone, gli avvocati diventano digitali
di Lorenzo Gennari

Pordenone, gli avvocati diventano digitali

venerdì 18 aprile 2008
L'ordine degli avvocati adotta la Business Key e sigla una joint venture con la camera di commercio di Pordenone in collaborazione con Infocamere e l'associazione per lo studio del diritto, per la promozione degli strumenti digitali

Siglata ufficialmente con la firma dei presidenti Giovanni Pavan e Giancarlo Zannier la convenzione tra camera di commercio e ordine degli avvocati di Pordenone, per l'adozione degli strumenti tecnologicamente avanzati messi a disposizione dall'ente camerale.

L'occasione per l'accordo è stata l'apertura del seminario di presentazione della Business Key, un dispositivo usb portatile che contiene al suo interno tutto l'occorrente per firmare digitalmente i documenti, accedere in sicurezza ai servizi online della Pubblica Amministrazione e avere disponibili i documenti della propria impresa (gli stessi depositati in camera di commercio).

L'obiettivo che si vuole raggiungere attraverso l'utilizzo di questo dispositivo è quello di velocizzare le procedure ed eliminare i supporti cartacei che rimangono in archivio per decine di anni.

Dopo l'entrata in vigore del codice dell'amministrazione digitale, tali strumenti sono stati ritenuti i più consoni a gestire la professione forense. Lo stesso progetto strategico della camera, denominato "conosci l'impresa", si propone di promuovere la conoscenza e la diffusione presso le imprese e i professionisti di nuovi sistemi di sicurezza, di certificazione e di consultazione dei dati.

Oltre un centinaio i pacchetti già distribuiti in occasione del seminario; per maggio è previsto un secondo incontro formativo rivolto ad un altro centinaio di avvocati che si doteranno del sistema.

«Questa convenzione di collaborazione tra un ente e una fascia di professionisti, è la prima del genere in Italia – ha detto il presidente dell'ordine degli avvocati di Pordenone Giancarlo Zannier - ma presto l'esperienza sarà imitata anche da altri ordini. A questo primo incontro partecipano i primi cento avvocati che hanno sottoscritto la convenzione con la Cciaa, ma la volontà è far sì che tutti gli avvocati iscritti all'ordine di Pordenone, 470 in totale, siano presto in possesso di queste tecnologie all'avanguardia».

La Business Key è inoltre un sistema che strizza l'occhio al mondo del software libero. Infatti le soluzioni adottate per la videoscrittura e la lettura dei formati pdf, oltre che il software antivirus contenuti nel dispositivo usb, sono prodotti open source e sono tutti utilizzabili senza installazioni di nessun tipo.

Se vuoi aggiornamenti su Pordenone, gli avvocati diventano digitali inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:



nessun commento da visualizzare..


Inserisci il tuo commento

Nome (obbligatorio):
Email (obbligatorio):
Sito:
 
Vuoi salvare questi dati?
Commento:
Codice di controllo: